Turismo e partecipazione

di Rete Sviluppo scritto il 28 aprile 2016

“Fare sistema” non è uno slogan, ma una necessità

Il 20 aprile scorso reteSviluppo, in collaborazione con l’Associazione Albergatori di Chianciano Terme e Valdichiana Media, ha organizzato, all’Istituto alberghiero Pellegrino Artusi di Chianciano Terme, la seconda edizione del Forum sul Turismo in Valdichiana, un evento di discussione e di prospettive di crescita per mettere a confronto le imprese turistiche, le associazioni di categoria, le amministrazioni e gli enti di promozione turistica del territorio.

La giornata si è strutturata in due momenti distinti. Nella prima parte, durante la mattina, i partecipanti hanno discusso all’interno di tavoli progettuali, in ognuno dei quali si analizzavano punti di debolezza e punti di forza di un determinato tema turistico, al fine di arrivare a costruire delle proposte; nella fattispecie, i tavoli erano cinque: Eventi territoriali sport e congressi, Salute terme e benessere, Arte cultura ed enogastronomia, Comunicazione promozione ed innovazione, Infrastrutture e Strategia turistica. Nella seconda parte, svoltasi nel pomeriggio invece, sono stati restituiti i risultati dei tavoli e vi sono stati numerosi interventi che hanno trattato progetti turistici e dati statistici.

Le proposte e le idee emerse dai tavoli partecipati sono state tante e molto interessanti. Ad esempio, per gli eventi territoriali, ma non solo, si è sottolineata l’importanza dei dati, al fine di avere chiara la situazione senza procedere a “sensazioni”; nel campo termale si è parlato di formazione e innovazione, come strategie per stare al passo con i tempi ed attrarre sempre più la domanda; per l’arte e la cultura si è insistito sul necessario coordinamento degli eventi, al fine di evitare sovrapposizioni o periodi di stallo; per quanto riguarda la comunicazione e la promozione è emersa la necessità di un Brand territoriale, mentre per le infrastrutture si è sottolineata l’importanza di avere vie di collegamento adeguate, soprattutto in un periodo storico in cui il turista tende sì ad andare spesso in vacanza, ma per periodi molto più brevi, che quindi non devono essere caratterizzati da tempi del viaggio relativamente lunghi.

Ma c’è stata una volontà che è emersa parallelamente in tutti i tavoli, quella di fare sistema. È infatti evidente come, per competere nel mercato globale ed internazionale, serva sempre più mettere a sistema le risorse disponibili ed avere progetti chiari e definiti. È necessario, in questo caso per la Valdichiana, ma più in generale per tutti i territori, un soggetto più ampio e strutturato di un singolo comune per favorire un processo di branding territoriale che possa essere appetibile nel mercato turistico. Il turista, in modo particolare negli ultimi anni, ha delle esigenze che non richiedono un unico prodotto turistico, ma nel periodo della vacanza ha il desiderio di “sperimentare” più emozioni contemporaneamente, emozioni che possono essere date dal cibo, dal benessere, dallo sport, dal piacere di osservare un museo o dalla possibilità di visitare attrazioni diverse tra loro, ma facilmente raggiungibili.

È per tale motivo che non si deve parlare di turismo, ma di turismi diversi che però devono integrarsi tra loro: per farlo è di primaria importanza “fare sistema” attraverso il dialogo, il confronto e la partecipazione, tra attori differenti ma facenti parte di un unico territorio.

Rete Sviluppo

Professionisti e ricercatori che operano in diversi settori: ricerca sociale, economia, business advisory, sviluppo digitale, democrazia diretta e comunicazione.

Rete SviluppoTurismo e partecipazione